coin

Perché Subversion rulla

by Federico Fasce on 31 March 2008

È curioso vedere come pochissime delle persone che in questi giorni hanno aggiornato WordPress alla versione 2.5 siano a conoscenza del fatto che è possibile risparmiarsi un bel po’ di sbattimento (ed evitare errori, cosa che a me prima capitava regolarmente) utilizzando il comodo update di SVN.

SVN è un sistema di gestione delle versioni che funziona da linea di comando: quello che fa, in soldoni, è ricordare ogni cambiamento effettuato da una versione all’altra e permettere chi deve aggiornare di copiare solo i file che servono senza andare a toccare le aggiunte dell’utente (in realtà SVN fa molto di più, ma soprassediamo).

Quindi, a patto di avere il blog installato in un certo modo (o opportunamente modificato per supportare SVN) l’aggiornamento è di una semplicità disarmante:

  • Si backuppa il backuppabile (anche se io son temerario e non lo faccio, voi fatelo, è meglio)
  • Si accede alla directory dove è contenuto il blog via SSH*
  • Si scrive svn sw http://svn.automattic.com/wordpress/tags/2.5/, sostituendo a 2.5 il numero della versione.
  • Si ammira il meraviglioso scorrere degli aggiornamenti, un po’ come farebbe Cypher in Matrix.

Poi ci si trastulla felici con il blog nuovo di pacca e con la nuova interfaccia di WordPress, carina assai. E ci si intristisce un po’ per una gestione delle tag non perfetta, ma tant’è.

Volete saperne di più? Sapevatelo qui.

*L’accesso SSH è una cosa meno esoterica di quel che si pensa. Di base è semplicemente un accesso al vostro spazio web via linea di comando, che ricorda un po’ i vecchi tempi del Dos. La sfiga è che non tutti i servizi di hosting italiani ve lo permettono. Questo perché gran parte dei servizi hosting del nostro paese fa pena rispetto a quelli che si trovano altrove. Se volete un consiglio, con Dreamhost mi trovo molto bene.

Domenico March 31, 2008 at 21:21

ah che bello, proprio oggi ho deciso di aggiornare il mio uordpres e questo trucchetto forse mi farà risparmiare un po di ansie. La domanda nasce spontanea: Tophost.it supporta l’accesso SSH ?

Federico Fasce March 31, 2008 at 21:36

Devo risponderti con una risata? Scherzi a parte, credo proprio di no.

Michelangelo March 31, 2008 at 22:00

Occhio alle collisioni.

Francesco d'Elia March 31, 2008 at 23:10

Bhè.. Il mio XServe supporta tutto il supportabile ed anche di +++..

Mr Oz March 31, 2008 at 23:10

Ciao Federico. Non conoscevo Dreamhost. Grazie per l’indicazione. Proverollo. Domanda: anche i tuoi dominii li registri/gestisci con Dreamhost? Hai mai provato MediaTemple o RackSpace?

Domenico April 1, 2008 at 00:12

ecco lo sapevo, allora sarà un upgrade carico di ansia…occhio che ti rompo le scatole su msn per chiederti suggerimenti! ;)

PseudoTecnico April 1, 2008 at 06:53

Io continuo a preferire il mio metodo :P

a) Carico il file zip e lo decomprimo sul server (via ssh) in una cartella /blogXXX (dove XXX è il numero di versione), la cartella /blog è quella dove risiede il blog “vero”
b) Sempre via ssh copio wp-config.php, .htaccess, upload, il tema e la cartella plugins dal vecchio all’installazione pulita
c) Quando è pronto rinomino le cartelle “attivando” la nuova versione

Downtime praticamente pari a pochi secondi, giusto il tempo di lanciare upgrade.php sul server. Se devo tornare indietro basta ripristinare il DB e rinominare nuovamente le cartelle.

trini April 1, 2008 at 08:37

che dire.. recentemente siamo passati dall’uso di cvs a svn per i nostri progetti..
molto molto comodo..
per altro non è male il tool tortoise svn..

Davide Tarasconi April 1, 2008 at 09:34

Io uso il plugin InstantUpgrade, che mi pare la soluzione più rapida e comoda – aggiornato WP almeno 5 volte con questo plugin, mai avuto problemi.

Fabrizio April 1, 2008 at 10:19

Ma Dreamhost non supporta l’aggiornamento automatico di Wordpress con “One Click Install”?

Federico Giacanelli April 3, 2008 at 06:30

Vedo che il mio ping su twitter ha dato frutti!

Intanto mi sono messo il link su delicious, poi si vede.

Comments on this entry are closed.

Previous post:

Next post: